Quale è la differenza tra Allergia e Intolleranza Alimentare?

Una intolleranza alimentare si verifica quando l’organismo non produce enzimi adeguati (o forse non produce degli enzimi necessari) per digerire un determinato alimento, o una quantità eccessiva di un determinato alimento è stato consumato e il corpo non può produrre abbastanza enzimi per far fronte. I sintomi di intolleranza alimentare sono gastrointestinale – gonfiore, gas, diarrea – non determinano pericolo per la vita dell’individuo. Un esempio comune è l’intolleranza al lattosio – molte persone non producono l’enzima lattasi, o non producono abbastanza lattasi per essere in grado di digerire il latte. Yogurt e formaggi possono essere tollerati da persone intolleranti al lattosio. Una sensibilità alimentare è una risposta immunitaria mediata da alcuni alimenti. sensibilità alimentari possono cambiare e sono influenzati da allergeni cross-reattivi ambientali, alcuni farmaci, e cross-reattività all’interno di gruppi di alimenti. I sintomi variano e non sono esclusivamente intestino correlati. Le intolleranze alimentari non creano pericolo di vita e possono essere risolte eliminando i cibi colpevole dalla dieta. Le allergie alimentari si verificano quando il corpo non riconosce proteine di un alimento e reagisce come se fossero agenti patogeni. Si tratta di una reazione immunitaria, che può in rari casi, avere gravi conseguenze.

Riassumendo nel caso della sensibiltà al Latte:

Per intolleranza al latte si intende l’incapacità di digerire il lattosio (fattore scatenante) a causa di un deficit dell’enzima intestinale lattasi; essa può essere associata a gonfiore, dolori addominali, diarrea e meteorismo. Essendo il lattosio uno zucchero la sensibilità è di tipo “metabolica”.

L’allergia al latte è una risposta del sistema immunitario correlata ad una reazione avversa alle proteine (fattore scatenante), che coinvolge numerosi organi ed apparati, in particolare l’apparato respiratorio, il sistema cutaneo ed il tratto gastro-intestinale, con manifestazioni variabili. 

Quando si deve ripetere il test per intolleranze alimentari?

Noi di solito consigliamo al paziente di rieffettuare il test entro 6-12 mesi dopo il test iniziale. Tuttavia, se i sintomi sono migliorati e gli alimenti colpevole sono stati reintrodotti senza reazione avversa  una ripetizione del test non è necessario.